Archivi tag: frontiera

AGGIORNAMENTO dalla FRONTIERA e sul CPR

venerdì 3 dicembre alle 17:00 a La Molla Occupata in via Bersezio 1312

In montagna, come in città, le persone considerate “illegali” vengono stigmatizzate e represse brutalmente dalle forze dell’ordine.

Al confine italo-francese del Monginevro assistiamo alla riapertura degli impianti sciistici dopo due anni di chiusura forzata mentre sempre più migranti cercano di notte di superare il confine, nonostante i respingimenti continui da parte della polizia frontaliera.

A Torino invece la situazione all’interno del CPR sta diventando sempre più insostenibile. Come accade ogni inverno, il riscaldamento e l’acqua calda vengono a mancare e gli atti di protesta si susseguono costantemente.

Diamo un aggiornamento sulle rispettive situazioni con le compagne e i compagni che lottano in alta Valle e in città contro frontiere e cpr.

A seguire aperitivo benefit!

ricordiamo che durante le iniziative si raccolgono vestiti e telefonini

 

 

Inizia la stagione sciistica. Aggiornamenti dalla frontiera

FRONTIERE RAZZISTE, TURISMO COMPLICE
21 novembre 2021
Ieri, dopo due anni, gli impianti sciistici di Monginevro hanno riaperto.
Mentre piste, bar e ristoranti si riempiono dei soliti ricchi turisti, liberi di godersi i propri sporchi privilegi, PAF e gendarmerie continuano a fermare le persone considerate “illegali” che tentano di attraversare questo confine.
Durante la giornata abbiamo assistito ad un inseguimento coatto della gendarmerie, che, arrancando goffamente nella neve, cercava di braccare, tra urla e intimidazioni, quattro persone sugli alti sentieri di montagna.
Le tracce degli sci e le orme della gente di passaggio corrono parallele: l’indifferenza degli sciatori di fronte a questi atti di respingimento palesa la normalizzazione di queste pratiche razziste. Tali pratiche non sono un caso isolato, ma, nel corso degli ultimi anni, sono state rinforzate in tutta Europa.
A peggiorare la situazione di questa frontiera, da quasi due mesi, gli autobus francesi della Resalp hanno interrotto le fermate di Cesana e Claviere, mentre da Monginevro a Briançon i turisti si spostano liberamente. Dal lato italiano, anche la compagnia Arriva ha smesso di garantire un servizio regolare per le stesse fermate.
Per questi motivi, il cammino dall’Italia alla Francia è sempre più lungo e difficile. In mancanza di sufficienti informazioni e a causa del massiccio dispiegamento di sbirri, molte persone sono state costrette a inerpicarsi su sentieri più alti e pericolosi. Da diverse settimane, infatti, il numero della gente dispersa in montagna è aumentato: lo scorso fine settimana, altre due persone sono state soccorse tra Claviere e Monginevro.
Di fronte a tutto ciò, continuiamo a essere presenti in frontiera, complici e solidali con chi l’attraversa nel nome della libertà e dell’autodeterminazione.
CONTRO TUTTE LE FRONTIERE E OGNI FORMA DI OPPRESSIONE!!!
AGGIORNAMENTO DALLA FRONTIERA DEL MONGINEVRO
13 Novembre 2021

Con l’arrivo delle prime nevicate, la situazione in frontiera è sempre più difficile e rischiosa.
Ma sono la repressione e il controllo frontaliero a rendere il passaggio una minaccia di morte per chi attraversa le montagne.
A poche settimane dall’inizio della stagione turistica e a un mese dall’ultimo sgombero, i comuni dell’alta valle si stanno ripulendo la faccia (e i muri), continuando a invisibilizzare, allontanare e respingere chi rovina la loro immagine costruita per chi ha un portafoglio gonfio di soldi da spendere sulle piste da sci.
A Claviere ormai ogni angolo nascosto è diventato un bivacco con coperte e bagagli abbandonati e resti di fuoco per scaldarsi.

Le unità di gendarmeria mobile nella provincia di Briancon sono aumentate di 200, e 10 nuovi sbirri sono stati arruolati alla PAF per dare la caccia alle persone su questi senteri.
Questo dispiegamento, enorme e assassino, messo in piedi dalla prefettura di Gap per impedire il transito di chiunque non abbia un documento, spinge le persone su sentieri sempre più alti e pericolosi, impraticabili in questo periodo dell’anno.
Domenica scorsa, 8 persone in stato di ipotermia sono state recuperate dal soccorso alpino francese nella zona del monte Janus, e portate all’ospedale di Briancon,
mentre altri 2 dispersi sono stati trovati in seguito.
Le persone che vengono bloccate sui sentieri, sono trattenute per ore all’interno dei locali della PAF senza cibo, e vengono sottoposte a controlli sempre più invadenti, tra cui la sistematica confisca dei telefoni.

Sul lato italiano, da un mese a questa parte, ogni giorno, sbirri in borghese si presentano alla fermata dell’autobus di Oulx e seguono il pullman fino al suo arrivo a Claviere. Controllano e identificano chi cerca di essere solidale con le persone di passaggio: così l’occhio dello stato vuole intimidire chiunque in prima persona si esponga contro il dispositivo della frontiera.
Il rifugio Fraternità Massi di Oulx, stracolmo di persone -limite 40 persone-, sempre più spesso si appoggia allo spazio della croce Rossa di Bussoleno e Susa per ospitare le persone durante la notte.

Raggiungere Claviere è sempre più difficile a causa delle politiche messe in atto dalle compagnie dei bus che collegano Oulx e Claviere.
I bus di Resalp continuano a non effettuare le fermate di Cesana e Claviere (almeno fino al 15 dicembre), mentre l’azienda italiana Sadem ha recentemente soppresso uno degli ultimi due autobus diretti a Claviere, quello delle 10:45 (mentre quello delle 13 è solo scolastico). Chi è in viaggio è costrettə a raggiungere a piedi l’ultimo paese italiano di confine, raddoppiando il numero di chilometri da percorrere.

Nel frattempo a Briancon, il rifugio Les terraces solidarires, ha chiuso i battenti dichiarando insostenibile il sovraffollamento nei locali.
Sovraffollamento in parte dovuto alla gestione francese della pandemia. La legge approvata il 5 agosto scorso, impedisce a chi è sprovvistə di un pass sanitario di salire su treni o bus interregionali. Così, chi non ha il vaccino o la possibilità economica di pagare il tampone, non può partire. A Briancon, le persone devono quindi aspettare di ricevere i tamponi gratuiti, dispensati dall’associazione Medecins di Monde.
Attualmente, chi riesce a sfuggire ai controlli sui sentieri in montagna e arriva in città, è alloggiatə in due tendoni montati fuori dalla chiesa di s. caterina che il prete ha temporaneamente concesso.

Su questa linea di confine sempre più razzista e militarizzata , è evidente la necessità di creare spazi autogestiti in cui organizzarsi, al di fuori delle logiche istituzionali assistenzialiste e contro il dispositivo repressivo delle frontiere.

SEMPRE CONTRO OGNI FRONTIERA
LIBERTÀ

Resoconto corteo contro sgomberi, frontiere e CPR del 6/11/2021

Sabato 6 novembre siamo scesi in strada a Torino con un corteo contro gli sgomberi, le frontiere e i CPR. Di fronte all’ennesimo sgombero in alta valle del rifugio autogestito, abbiamo deciso di partire dal centro città per dare visibilità alla “frontiera”, a quel meccanismo assassino che lo Stato vorrebbe mimetizzare nel silenzio. Sono stati ribaditi con forza i nomi dei responsabili degli sgomberi e dei complici delle deportazioni e dei CPR.

Molti gli interventi al microfono e i cori, accompagnati dall’attacchinaggio di manifesti, scritte e uova di vernice contro le sedi delle banche, delle poste, dell’ASL Città di Torino e della Nuvola Lavazza.

Muscolare e spettacolare dispiegamento di Digos e celere.

 

Ascolta il resoconto del corteo in diretta all’info di https://radioblackout.org/:

Diretta sul Cpr di Torino a Radio Onda Rossa

Venerdì 22 Ottobre 2021

https://www.ondarossa.info/newstrasmissioni/silenzio-assordante/2021/10/sul-cpr-torino-vista-del-corteo

Alla trasmissione Silenzio Assordante, su Radio Onda Rossa:

“Con chi lotta contro i CPR a Torino raccontiamo la situazione e le novità che riguardano il centro di espulsione di Corso Brunelleschi.
Per aggiornarsi continuamente è possibile consultare il blog nocprtorino.noblogs.org.
Per sabato 6 novembre a Torino è previsto un corteo contro espulsioni, sgomberi e frontiere anche alla luce delle recenti mosse repressive avvenute in frontiera.”

Corteo contro sgomberi, frontiere e CPR, Torino 6/11

CONTRO SGOMBERI, FRONTIERE E CPR

SCENDIAMO IN PIAZZA!

CORTEO A TORINO, SABATO 6 NOVEMBRE 2021 ORE 16.30

 

In montagna come in città gli spazi di autogestione sono sotto attacco.
Solo sulla frontiera del Monginevro in sette mesi ci sono stati tre sgomberi.

Vorrebbero fermare chi si organizza per attraversare e contrastare questo dispositivo che controlla, seleziona e uccide. Il numero di persone che passa il confine rimane alto e la repressione in frontiera non fa che crescere, portando con sé il suo prezzo di feriti e morti, ancora più ora con l’inverno alle porte.
In città, anche e soprattutto in quest’ultimo periodo caratterizzato da Green Pass e continui “stati di emergenza”, il controllo sociale aumenta e la repressione incalza: controlli polizieschi diffusi, retate, sgomberi, sfratti.
Il cpr di corso Brunelleschi, ingranaggio del sistema di detenzione ed espulsione, è l’incarnazione della frontiera in centro a Torino.

Assistiamo al tentativo di distruggere ogni forma di pensiero e pratica non istituzionale e ogni esperienza di autogestione e di disinnescare ogni tensione di lotta; al tentativo di eliminare la pratica delle occupazioni, impedendone di nuove e piano piano sgomberando le vecchie.

Per tutto questo, scendiamo in piazza.
Appuntamento per un corteo a Torino, sabato 6 novembre ore 16:30

Per info, aggiornamenti e materiali seguite https://www.passamontagna.info e https://nocprtorino.noblogs.org

Contro Ogni Gabbia e Frontiera

La casa cantoniera occupata a Claviere il 2 ottobre è stata sgomberata dopo pochi giorni.

Contro sgomberi e repressione, contro ogni gabbia e frontiera, continuiamo a lottare nelle città e sulle montagne.

ASSEMBLEA PUBBLICA MARTEDÌ 12 OTTOBRE H19
NEL CORTILE DI RADIO BLACKOUT (Via Cecchi 21/a, Torino)

 

Ascolta la diretta di mercoledì sera con una compagna in frontiera ai microfoni di ACAB su Radio Blackout:

da FB Chez JesOulx

DALLA FRONTIERA DEL MONGINEVRO, CONTRO TUTTI GLI SGOMBERI
Tre sgomberi in sette mesi.
Sulla frontiera del Monginevro come in tutta Italia, la repressione è sempre più forte ed occupare, la pratica di autorganizzazione più dirompente, è sotto attacco.
700 mila euro a fondo perduto sono stati assegnati ai comuni di confine di Claviere e Bardonecchia. Che vengano utilizzati per aggiungere fiori alle rotonde o implementare nuovi dispositivi di controllo, non lo sappiamo. È sicuro però che chi vive sulla propria pelle gli effetti del sistema frontaliero continuerà ad esserne attaccatx.
La volontà delle istituzioni e di chi ci guadagna è di nascondere chi è “diversx”, meno privilegiatx, chi si ribella e si oppone con solidarietà diretta.
Emilio, compagno NO TAV che si è sempre battuto contro questa frontiera rischia di essere estradato in Francia come misura cautelare. Anche Mimmo Lucano é stato condannato a 13 anni per aver lottato al fianco di chi è costrettx ad essere illegale.
Per costruire una risposta forte e decisa, contro ogni frontiera, CPR, contro il razzismo di stato e la sua repressione, incontriamoci
ASSEMBLEA PUBBLICA MARTEDÌ 12 OTTOBRE H19
NEL CORTILE DI RADIO BLACKOUT (Via Cecchi 21, Torino)
DEPUIS LA FRONTIERE DU MONGINEVRE, CONTRE TOUTES LES EXPULSIONS
Trois expulsions en sept mois.
Sur la frontière du Montgenèvre, comme dans le reste de l’Italie, la répression est de plus en plus forte et occuper, la pratique la plus perturbatrice de l’auto-organisation, est attaquée.
700 000 euros de subventions ont été alloués aux maires frontalières de Claviere et de Bardonecchia. Nous ne savons pas s’ils seront utilisés pour ajouter des fleurs aux ronds-points ou mettre en place de nouveaux dispositifs de contrôle. Ce qui est certain, par contre, c’est que celleux qui subissent chaque jour les effets du système frontalier continueront à être attaqués par celui-ci.
La volonté des institutions et de ceux qui en profitent est de cacher celleux qui sont “différent.e.s”, moins privilégié.e.s, celleux qui se rebellent et s’opposent avec la solidarité directe.
Emilio, un camarade de NO TAV qui a toujours lutté contre cette frontière, risque d’être extradé vers la France par mesure de précaution. Mimmo Lucano a également été condamné à 13 ans pour avoir combattu aux côtés de celleux qui étaient contraint.e.s à l’illégalité.
Pour construire une réponse forte et décisive, contre toute frontière, contre les CRA, contre le racisme d’Etat et sa répression, réunissons-nous.
ASSEMBLÉE PUBLIQUE MARDI 12 OCTOBRE 19H DANS LA COUR DE RADIO BLACKOUT (Via Cecchi 21A, Turin)
FROM THE BORDER OF MONGINEVRO, AGAINST ALL EVICTIONS
Three evictions in seven months.
On the border of Montgenèvre, as everywhere else in Italy, repression is increasingly strong. Occupying is the most disruptive practice of self-organization. Now it’s under attack.
700 thousand euros in grants have been assigned to the border municipalities of Claviere and Bardonecchia. Whether they will be used to add flowers to traffic circles or to implement new control devices, we don’t know. What is certain, is that those who experience the effects of the border system will continue to be attacked by it.
The will of the institutions and of those who profit from them is to hide those who are “different”, less privileged, those who rebel and oppose with direct solidarity.
Emilio, a NO TAV comrade who has always fought against this border, is now risking extradition to France as a precautionary measure. Mimmo Lucano was also sentenced to 13 years for fighting alongside those forced to be illegal.
In order to build a strong and decisive response, against every border, detention center, against state racism and its repression, let’s meet
PUBLIC ASSEMBLY ON TUESDAY, 12th OCTOBER 7PM IN THE COURTYARD OF RADIO BLACKOUT (Via Cecchi 21, Turin)

 


sullo sgombero della casa occupata di Claviere, da passamontagna.info

Ieri [mercoledì 6 ottobre 2021]  hanno sgomberato la casa cantoniera di Claviere, rifugio autogestito occupato da sabato scorso.
Alle prime luci dell’alba, agenti della DIGOS hanno aspettato che venissero aperte le barricate dietro alla porta principale per poi sfondarla e entrare nel rifugio. Le camionette sono arrivate verso le sette, mezz’ora dopo, mentre le 19 persone all’interno venivano identificate e denunciate per occupazione.
I digossini non si sono risparmiati nelle loro provocazioni e atteggiamenti coatti, spintonando e minacciando le compagne accorse in solidarietà.
Il teatrino dell’umanitario si è ripetuto anche stavolta: un mezzo e qualche volontario della croce rossa sono accorsi sul posto insieme alle camionette e hanno osservato le operazioni di sgombero durante tutta la mattinata. Anche i pompieri non sono potuti mancare. Mentre lo sgombero non era ancora completato, quattro mezzi dell’ANAS sono arrivati e hanno subito cominciato a rimuovere le finestre della casa. Abbiamo saputo che l’edificio, ufficialmente abbandonato dal 2012, veniva in realtà usato comodamente come casa vacanza dai dirigenti ANAS fino a poco prima della pandemia.
Nel rifugio non erano presenti persone di passaggio: i numereosi gruppi e famiglie che lo avevano attraversato e vissuto erano partiti durante la notte verso i sentieri di confine.
Un altro sgombero lampo, il terzo negli ultimi sette mesi su questa frontiera. Vogliono distruggere sul nascere ogni esempio di autogestione e organizzazione collettiva. Vogliono nascondere e controllare chi definiscono “illegale”, non tollerano l’esistenza di spazi liberati in cui nessun* è ospite ma ognun* può autodeterminarsi e scegliere come affrontare il proprio viaggio. A Claviere, villaggio semideserto per gran parte dell’anno in cui l’unica cosa che conta è il turismo che riempie le tasche di pochi, tutto questo viene attaccato.
La repressione cresce e aumenta il controllo su questa frontiera che ha già ucciso cinque volte e che continua a mettere a rischio le vite delle persone.
È di poche settimane fa la notizia di due ragazzi afghani che, cercando di raggiungere la Francia, sono precipitati nel torrente Sommeiller, non lontano da Bardonecchia. Nel pomeriggio del 5 ottobre invece, 16 persone sono rimaste bloccate nella zona del Mont de la Plane (oltre Cesana) per poi essere trasportate all’ospedale di Briancon.
Succede sempre più spesso che le persone in viaggio, non conoscendo il territorio e non incontrando le informazioni necessarie, si affidano alle mappe online per raggiungere la Francia, spesso tramite sentieri pericolosi, su montagne troppo alte e troppo fredde.
Paf, sbirri e gendarmi e gli stati che li mandano, difendono questa frontiera e la rendono mortale.
Il business dell’umanitario e il turismo collaborano a tutto questo.
Organizziamoci per contrastare la repressione e il controllo: facciamo un appello alla solidarietà diretta di tutt* e ad azioni spontanee, la risposta sarà forte!
A breve lanceremo un appuntamento per discutere e organizzarci insieme, seguite gli aggiornamenti dal blog per sapere dove e quando.
Fuoco alle frontiere!

Carovana in frontiera

GIOVEDÌ 22 LUGLIO- VENERDÌ 23 LUGLIO- SABATO 24 LUGLIO- 25 E 26 LUGLIO- MARTEDÌ 27 LUGLIO- CHIAMATA ALLA CAROVANA RESISTENTE “POR LA VIDA” ALLA FRONTIERA DEL MONGINEVRO

Alla frontiera delle Alpi occidentali il confine fra chi gode di diritti e privilegi sistemici e chi ne è esclusə non è solo geografico: è l’espressione della logica del profitto concretizzata in pratiche securitarie, respingimenti, violenze di genere, abusi, detenzioni arbitrarie, deportazioni e repressione. Per questo chiamiamo tuttə a partecipare e costruire attivamente qualche giornata di resistenza, scambio e condivisione di pratiche e lotte su questo pezzo di frontiera.
Attenzione: il campeggio non è autorizzato. Partecipare significa assumersi responsabilità personali e collettive.

Al momento, nonostante stiamo aspettando la conferma dell’arrivo della delegazione zapatista continuiamo a fare tutto il possibile per dare loro l’opportunità di unirsi a noi e di essere accoltə in questo territorio.

Il campeggio è auto-organizzato. Questo significa che ogni contributo è benvenuto e anche un certo livello di auto-organizzazione apprezzato. Cerchiamo di essere il più possibile creativə e propositivə per la buona riuscita del campeggio. Questo è quello che puoi fare:
Vieni equipaggiatə [Porta la tua: tenda, torcia, scarpe per camminare, strumenti vari]
Fare proposte [Laboratori, momenti di condivisione, performance artistiche, pasti comuni…]
Fai girare la voce [Nota bene: vogliamo che il campeggio sia il più possibile uno spazio sicuro per ogni soggettività. Si prega di evitare di far circolare l’invito alle persone sbagliate. No sessismo, razzismo, autoritarismo, no polizia]
Delle cucine solidali a prezzo libero forniranno i pasti.
I workshop sono stati pensati come laboratori “pratici” per condividere saperi e buone pratiche.
Le discussioni invece si vorrebbero come momento di confronto tra vari gruppi/collettivi/singoli su pratiche di lotta e riflessioni/idee più che un racconto di come funziona nel proprio territorio. Invitiamo tuttə a ragionarci prima delle chiacchiere!

Freedom, Hurriya, Libertà!

PROGRAMMA


GIOVEDÌ 22
H11 Ritrovo a Claviere e allestimento del campeggio
H13 Pranzo condiviso
H16 Assemblea di apertura e presentazione campeggio
H18 Discussione sulle autonomie zapatista con il Nodo Solidale
H20 Cena e Proiezione

VENERDÌ 23

H8 colazione
H10:30 Tavolo di lavoro- sicurezza informatica a cura di Hacklab di Torino e Criptoparty Geneve
H10:30 Discussione: Lottare contro i sistemi di detenzione amministrativa in Francia, Italia e Svizzera
H13 Pranzo
H15 Tavolo di lavoro – Cura e benessere negli ambienti militanti
H15 Discussione: Scambio di riflessioni e pratiche sulla lotta alle frontiere
H20 Cena
A seguire concerto della BANDA PERIFERICA TERRANEO

SABATO 24

H8 Colazione e smontaggio del campeggio
H12 Pranzo e passeggiata verso la Val Clarée
H18 Ri-montaggio del campeggio

25-26 LUGLIO:

Partenza da Briançon e accoglienza a Gap
Discussioni e tavole rotonde > Estrattivismo e internazionali/ Auto-organizzazione dei-delle “migranti”/Donne & frontière
Spettacoli, circo e concerti

27 LUGLIO:
Manifestazione a Gap

Porta materiale adatto a campeggiare in montagna, piatti bicchiere e posate, scarponcini e borraccia!

Per maggiori informazioni passamontagna.info, radio Blackout e radio NoTav

Discussione sul CPR a Berna (CH)

Un’iniziativa a Berna sul CPR e il suo funzionamento in Italia, e nello specifico nella città di Torino. Si parlerà delle lotte locali e nazionali che hanno cercato di combatterlo, delle varie mobilitazioni che negli anni hanno attraversato Torino ma non solo. Una chiacchiera contro la macchina delle espulsioni che punti ad illustrare il funzionamento e le sue questioni dirimenti, ma dando una particolare attenzione all’ultimo periodo e alle possibilità di lotta per contrastare questi centri di segregazione razziale moderni.