Archivi tag: GEPSA

Diretta sul Cpr di Torino a Radio Onda Rossa

Venerdì 22 Ottobre 2021

https://www.ondarossa.info/newstrasmissioni/silenzio-assordante/2021/10/sul-cpr-torino-vista-del-corteo

Alla trasmissione Silenzio Assordante, su Radio Onda Rossa:

“Con chi lotta contro i CPR a Torino raccontiamo la situazione e le novità che riguardano il centro di espulsione di Corso Brunelleschi.
Per aggiornarsi continuamente è possibile consultare il blog nocprtorino.noblogs.org.
Per sabato 6 novembre a Torino è previsto un corteo contro espulsioni, sgomberi e frontiere anche alla luce delle recenti mosse repressive avvenute in frontiera.”

La sanità come strumento coercitivo di controllo e ricatto sociale.

Recentemente il Ministero dell’Interno ha prodotto un rapporto [1] in risposta ad “alcune criticità” emerse all’interno del CPR di Torino durante l’ultima visita del Garante Nazionale avvenuta lo scorso luglio con un riferimento particolare ad “alcuni aspetti ritenuti essenziali ai fini del proseguimento del rispetto della dignità umana delle persone trattenute e, in particolare, dell’assistenza sanitaria”.

Prima di parlare del contenuto di questo rapporto occorre ricordare chi sono gli autori e gli attori coinvolti. Il documento è stato prodotto da Michele di Bari (Capo del dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione), Michela Lattarulo (Direttore centrale dei servizi civili per l’Immigrazione e l’Asilo) con relazione tecnica a cura di Claudio Palomba (Prefetto di Torino) che formalmente rispondono a Mauro Palma (Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale), autore di una serie di dichiarazioni che coinvolgono l’ente gestore GEPSA e l’Azienda Sanitaria Locale (ASL) “Città di Torino”, che si ricorda della presenza di un lager in città solo quando i riflettori sono puntati, raramente, sul CPR a causa di un’emergenza. Interessante notare come su sei attori coinvolti, cinque rappresentano lo Stato a dimostrazione del fatto che chi decide ed impone le regole coincide con i difensori di chi le regole le subisce.
Una storia già vista, lo Stato che giustifica e controlla se stesso attraverso il mantenimento di una narrazione che vuole far passare per accoglienza quello che in realtà non è altro che una mascherata forma di carcerazione e di privazione della libertà.

Il rapporto entra nel merito di tre punti: la sezione del Centro denominata “l’Ospedaletto”, la comunicazione con l’esterno e la visita medica di ingresso.
Per quanto riguarda il primo punto si parla della creazione di “ambienti più gradevoli” in sostituzione dei vecchi e viene ribadito che “al momento l’utilizzo di tale area è stato sospeso al fine di richiedere la progettazione di interventi migliorativi per rendere tale struttura più rispondente alle esigenze sanitarie a cui la stessa risponde”. Le parole vengono sottoposte ad un vero e proprio slittamento semantico, deciso da chi ha il potere di riprogrammare e ridefinire il significato delle parole. Parole che invece è necessario confrontare con le voci dei reclusi che vivono quotidianamente sulla propria pelle le conseguenze di tutto questo. Voci che ci raccontano di una sezione isolata dalle altre dove le persone vengono condotte con la forza dalle guardie e abbandonate all’interno di piccole stanze circondate da grate. Una sezione che è “presente presso il CPR di Torino fin dalla sua prima destinazione”, come afferma il Prefetto nella relazione tecnica del rapporto. Una sezione punitiva dove da più di vent’anni le persone vengono torturate lontane dagli occhi degli altri reclusi che potrebbero risultare scomodi testimoni. Un luogo in cui, è necessario ricordarlo, sono morti due uomini abbandonati in isolamento negli ultimi due anni.
Una gabbia non può essere resa più gradevole, più bella, perchè rimane sempre una gabbia. Come ci hanno insegnato gli harraga in questi anni attraverso le rivolte, una gabbia può essere solo distrutta. Non basterà la chiusura di una sezione del CPR o qualche miglioria strutturale per ripulirsi la faccia o la coscienza e dimenticare le violenze che lo Stato ha compiuto all’interno dell’Ospedaletto in tutti questi anni.

Per quanto riguarda il secondo punto si “evidenzia una particolare attenzione” al tema della comunicazione con l’esterno. Vengono “perseguiti ed assicurati adeguati servizi e standard per le persone trattenute” tramite l’attivazione di nuove postazioni di telefonia pubblica. Secondo la Prefettura dal 2 Aprile 2020 “sono stati messi a disposizione dei migranti telefoni cellulari non classificabili come smartphone da utilizzare in locali che consentono il rispetto della privacy”.
Dai racconti dei ragazzi dentro che abbiamo avuto modo di sentire in questi mesi emerge invece che non solo non sono state mai attivate o predisposte nuove postazioni telefoniche ma che addirittura non tutte le aree del Centro hanno almeno una cabina pubblica per chiamare. Da inizio 2020, ovvero quando è stato “inibito” l’utilizzo del proprio telefono cellulare all’interno del CPR di Torino, l’unico modo per comunicare con i propri parenti, molti dei quali all’estero, è attraverso l’utilizzo di una cabina telefonica utilizzabile tramite una scheda a pagamento che i reclusi possono comprare dall’ente gestore GEPSA che lucra sulla necessità delle persone di comunicare anche solo con il proprio avvocato.
Ecco come funziona la comunicazione con l’esterno all’interno del CPR: limitandola il più possibile! Per aumentare ulteriormente l’isolamento dei reclusi le cabine telefoniche presenti nelle aree non possono essere chiamate dall’esterno (come una normale cabina telefonica pubblica) in quanto le chiamate in entrata sono disattivate. All’interno del rapporto le falsità continuano quando viene sottolineato che “dal 5 Luglio 2021 sono riprese le visite dei familiari”. Nessuno dei ragazzi che abbiamo sentito in questi mesi ha mai visto un famigliare ne tramite un colloquio dal vivo ne tramite una video chiamata. Ci hanno raccontato che molti pacchi spediti dall’esterno vengono bloccati all’ingresso senza motivazioni o senza alcun riscontro oggettivo come il caso di diversi indumenti respinti perchè non sanificati e contenuti in apposito contenitore igienizzato.

Per quanto riguarda il punto relativo alla la visita medica preliminare di ingresso al Centro (che dovrebbe evidenziare eventuali incompatibilità con la detenzione) lo sganciamento dalla realtà e dalla vita concreta non cambia. Anzi, lo slittamento semantico aumenta nel momento in cui il Prefetto di Torino risponde alle “criticità” emerse negli ultimi mesi sul perchè l’Azienda Sanitaria Locale (ASL) “Città di Torino” ha da sempre omesso di effettuare tale visita. Ricordiamo che nel 2015 il Prefetto di Torino e il Direttore Generale dell’ASL Torino hanno firmato il protocollo d’intesa e collaborazione tra i due enti al fine di garantire ai reclusi il pieno acceso al Servizio Sanitario Nazionale e nel 2018 per dare attuazione all’articolo 3 del Regolamento Unico dei CIE affinchè le visite mediche di ingresso nel CPR siano condotte da un medico della Regione o dell’ASL locale.

La risposta del Prefetto di Torino rappresenta una compiuta sintesi della volontà di trasformare le persone in non persone attraverso l’imposizione di un comportamento, di una condizione: chi non ha i documenti giusti non viene curato!
L’assistenza sanitaria passa attraverso il riconoscimento, e la sua conseguente negazione, di una condizione imposta che costringe le persone all’interno di un lager per settimane perchè pende su di loro l’Ordine di allontanamento dal territorio nazionale del Questore.
La sanità come strumento coercitivo, di controllo, di potere, di ricatto sociale.
Possiamo estendere questo razzismo strutturale anche all’ordine sociale in cui viviamo se consideriamo come condizione discriminante l’essere una persona che viene detenuta in carcere. Allora si potrebbe dire: chi è detenuto, chi viene riconosciuto come un nemico di questo ordine sociale, non viene curato.

Secondo il rapporto del Ministero dell’Interno l’unica soluzione possibile sarebbe quella di “rilanciare i contatti” tra Prefettura e ASL di Torino: ovvero lo Stato che cerca di entrare in contatto con se stesso a quasi dieci anni di distanza dal primo accordo che ha firmato, chiaramente, sempre con se stesso!

Nel mentre le persone continuano ad entrare dentro il CPR di corso Brunelleschi con gravi patologie, lesioni e traumi al corpo incompatibili con la detenzione che, nella maggior parte dei casi, richiederebbero un ricovero ospedaliero. Problemi fisici che vengono ignorati nella totale assenza di interventi di assistenza sanitaria. Persone costrette a sopravvivere all’interno di un lager, dove l’unica terapia consiste nel dare “psicofarmaci a litri” con la complicità del responsabile medico e della direzione assunti da GEPSA.
In questi giorni siamo in contatto con un ragazzo che soffre della sindrome di Crohn e nonostante le ripetute richieste di soccorso non ha potuto vedere un medico o parlare con il suo avvocato dopo diversi giorni di detenzione all’interno del CPR. [2]

Alla luce dell’evidente operazione di travisamento della realtà e annullamento della persona svolta da Ministero dell’Interno, Prefettura e ASL di Torino vogliamo ribadire la nostra solidarietà e complicità a chi si ribella contro tutto questo schifo distruggendo con coraggio la propria gabbia come è successo il mese scorso quando un gruppo di ribelli ha reso inagibile una sezione del CPR di corso Brunelleschi per protesta.

Al fianco degli harraga in lotta.
Contro ogni gabbia e frontiera.
Fuoco ai CPR.

 

 

[1https://www.garantenazionaleprivatiliberta.it/gnpl/resources/cms/documents/2486341c044bb5c3e9da30e4b8de8d7c.pdf

[2 Testimonianza audio dal CPR di Torino | NO CPR TORINO (noblogs.org)

 

 

 

.

NUOVO GESTORE, VECCHIA MERDA

Il 13 settembre la Prefettura di Torino ha avviato la procedura di gara per l’affidamento dei servizi di gestione e funzionamento del centro di rimpatrio di Corso Brunelleschi: il cpr di Torino ad inizio 2022 avrà un nuovo gestore. Non sappiamo ancora chi sarà a candidarsi per questo lauto affare, per ora sappiamo che l’importo complessivo per gestire il centro dal 1° Gennaio 2022 al 31 Dicembre 2022  è di  2 440 375,20 euro – con una proposta minima di 42, 67 euro pro capite a recluso –  e che sicuramente, seguendo la logica dell’appalto1, sarà un’altra grande azienda ad accaparrarsi l’enorme cifra.

Finisce dunque il mandato di Gepsa, come alcuni giornali trascrivono..?

Vale la pena ricordare brevemente lo storico dell’azienda francese, leader nel business della reclusione e della prigionia. Nata ufficialmente nel 1987, quando lo stato francese sigilla una stretta collaborazione con le aziende private, si occupa sin da subito della gestione dei servizi (ristorazione, lavanderia, assistenza medica ecc ecc) all’interno di strutture detentive. Un colosso che cresce e si sviluppa sulla base dell’esistenza stessa del sistema carcere, collaborando attivamente con l’amministrazione penitenziaria e il ministero dell’interno francese, fino a prendere in carico la manutenzione della più grande prigione europea, Fleury-Mérogis. Dal 2008 inizia ad interessarsi al mercato italiano, puntando gli occhi sui profitti dati dalla gestione delle strutture di “accoglienza” ed espulsione delle persone senza documenti. Nel 2014, affiancata dall’associazione culturale Acuarinto, vince la gestione del cara di via Corelli a Milano (riaperto come centro per il rimpatrio nel 2019) e degli allora CIE di Ponte Galeria a Roma e di Torino. Subentra in toto nel cpr di Torino nel 2018, dopo l’operato della Croce Rossa Italiana. Per approfondire il ruolo di Gepsà nel mondo della carcerazione invitiamo a leggere e scaricare opuscolo-gepsa.

Anche se momentaneamente non sappiamo ancora quali saranno le aziende che tenteranno di entrare nel business del cpr di Torino, tra pochi giorni termineranno le offerte. Probabilmente a breve sapremo chi  saranno i prossimi responsabili della detenzione e delle espulsioni nel centro di corso Brunelleschi.

Per consultare tutta la documentazione riguardante la gara d’appalto: http://www.prefettura.it/torino/contenuti/Procedura_aperta_affidamento_gestione_centro_di_permanenza_per_i_rimpatri_c.p.r._di_torino_cig_8886364b8c-12121736.htm

 

1 Secondo la disciplinare di gara le aziende devono certificare di poter fornire servizi per la cifra dettata dall’appalto.

Testimonianza di un ragazzo ex-recluso del Cpr di Corso Brunelleschi su Radio Blackout

Durante la trasmissione Acab su Radio Blackout vengono mandati in onda alcuni audio registrati da un ragazzo appena uscito dal Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Corso Brunelleschi, che racconta delle condizioni della detenzione amministrativa all’interno delle mura.

Condizioni che erano insopportabili già prima della pandemia si sono solo aggravate, sotto tutti gli aspetti: dal cibo, portato già scaduto, al sovraffollamento, dalla possibilità di ricevere pacchi o visite alla capacità di interloquire con il proprio avvocato o con l’esterno.

Rinchiusi, umiliati e picchiati quotidianamente, ragazzi giovani e uomini più anziani vengono buttati a casaccio in camere torride e lercie, con solo un materasso di gommapiuma senza lenzuola e pochissimi cambi di vestiti e articoli di igiene personale.

Le visite dall’esterno sono sospese ma i ragazzi continuano a non poter possedere un telefono proprio per effettuare chiamate. Ai reclusi tocca “scegliere” se comprare, con i pochi euro permessi ogni settimana, le schede telefoniche per le cabine, sigarette o cibo e acqua.

Anche per questo, il trattenimento dei pacchi da parte di familiari e amici dall’esterno diventa un’arma di ricatto ancora più spregevole.

Il medico del Centro, pagato direttamente dall’azienda gestrice del Centro GEPSA, come è stato più volte denunciato è connivente con la direzione e totalmente indifferente alla necessità di cure da parte dei reclusi.

L’interprete, l’Ufficio Immigrazione e gli avvocati d’ufficio dimostrano ogni giorno il loro disinteresse per lo stato delle persone.

All’interno del Lager di Torino, ogni lotta per la dignità è una lotta per la sopravvivenza e la libertà.

Ascolta la trasmissione:

https://radioblackout.org/podcast/a-c-a-b-testimonianza-di-un-recluso-del-cpr-di-corso-brunelleschi/

 

AGGIORNAMENTO dal CPR di TORINO – “Se vi ammazzate tra di voi, noi facciamo meno fatica”

22 . 07 . 2021

Le voci dei ragazzi che abbiamo sentito al telefono in questi giorni estivi ci raccontano con rabbia e coraggio cosa sta accadendo dentro le mura del CPR di Torino. Il numero totale dei detenuti è di 115 persone e, secondo quanto ci hanno detto, tutte le aree del Centro sono attualmente agibili.

La prevalenza dei ragazzi reclusi attualmente è di cittadinanza tunisina e marocchina. Sono presenti inoltre una trentina circa di ragazzi di nazionalità subsahariana principalmente detenuti nell’area Viola. Le unità abitative all’interno delle aree sono sovraffollate e nelle stanze, dove dovrebbero dormire sette persone, in realtà sono presenti fino a undici reclusi costringendo molti di loro a dormire per terra nelle salette, che dovrebbero essere utilizzate per mangiare, oppure fuori all’aperto.

I ragazzi ci hanno raccontato che l’aria all’interno delle stanze è irrespirabile per il forte caldo a causa della mancanza di finestre e anche a causa del fatto che i soffitti delle unità abitative sono composti da lamiere non isolate unite tra loro.
Inoltre la notte diverse colonie di scarafaggi e topi escono dalle loro tane costringendo i detenuti a sopravvivere in condizioni igieniche molto difficili anche perchè, come ci hanno raccontato da dentro i ragazzi, non vengono mai effettuate operazioni di disinfestazione e di controllo igienico-sanitario da parte dell’ente gestore GEPSA o da parte dell’ASL di Torino.

Un ragazzo due giorni fa ci ha detto al telefono che il cibo viene consegnato scaduto. La data di scadenza, posta in evidenza sull’etichetta delle confezioni di plastica che avvolgono gli alimenti, indica come data un giorno della settimana precedente rispetto al giorno in cui viene consegnato il pasto.

Nonostante queste evidenti carenze sanitaria da parte delle istituzioni e da parte della gestione del CPR di Torino, nelle ultime settimane si è aggiunto un elemento che ha dell’assurdo: molti pacchi destinati ai reclusi vengono bloccati all’ingresso del Centro a causa del fatto che alcuni indumenti come calze, magliette, mutande e pantaloncini (che sono entrati regolarmente fino a pochi giorni fa) non possono essere consegnati perchè non sterilizzati o non contenuti in appositi contenitori igienizzati. Tutto questo in completa assenza di un regolamento scritto che descriva cosa può o non può entrare nel CPR, a dimostrazione della totale arbitrarietà decisionale che contraddistingue l’operato della Questura di Torino e dell’ente gestore gestore GEPSA. Una arbitrarietà decisionale che sappiamo avere da anni come obiettivo quello di aumentare l’isolamento e l’annullamento degli individui reclusi cercando di limitare con ogni mezzo la complicità dei solidali fuori e ogni tipo di comunicazione verso l’esterno.

L’abbandono e la mancanza di cure mediche continuano ad essere una costante. A distanza di poche settimane dall’ennesima morte di Stato avvenuta dentro le mura del Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Torino nulla è cambiato nonostante l’attuale direttrice e l’attuale responsabile medico siano indagati dalla Magistratura per omicidio.

Ieri sera un ragazzo subito dopo aver mangiato della carne scaduta ha vomitato e si è sentito male; è stato portato in infermeria dopo qualche ora dove gli hanno dato una Tachipirina, e dopo dieci minuti è tornato dolorante di nuovo in stanza.
Continuano ad entrare nel Centro ragazzi con gravi problemi di salute a causa dell’assenza della visita preliminare che l’ASL di Torino dovrebbe effettuare per evidenziare incompatibilità con la detenzione. Come il caso di un ragazzo marocchino entrato nel CPR diverse settimane fa con un grave problema di ulcera inguinale per cui in passato ha subito due interventi e che necessita di un’apposita terapia.

Un ragazzo ci ha raccontato della rabbia che ha provato pochi giorni fa quando la Garante dei diritti delle persone private della libertà del comune di Torino, Monica Gallo, è entrata dentro le mura del CPR per effettuare una visita alla struttura detentiva di corso Brunelleschi durante la quale si è limitata a comunicare esclusivamente con il personale assunto dall’ente gestore GEPSA promettendo, secondo quanto ha avuto modo di sentire il ragazzo, condizioni future migliori e pretendendo, probabilmente, gabbie più belle.

Le testimonianze dei reclusi invece descrivono una situazione molto tesa non solo per il forte caldo di questi giorni e per le condizioni in cui sono costretti, ma anche a causa delle continue violenze della polizia e delle guardie all’interno del Centro. All’interno dell’area Rossa la scorsa settimana è scoppiata una grossa rissa tra ragazzi di nazionalità tunisina e subsahariana durante la quale nessuno è intervenuto. A quanto ci hanno detto i reclusi molte risse vengono provocate dalla polizia che appositamente fa entrare nella stessa area persone che in passato hanno avuto dei diverbi o degli scontri fisici all’interno del CPR oppure persone che per motivi religiosi o culturali non vogliono stare divisi dai loro connazionali causando a volte delle forti colluttazioni, che provocano spesso feriti, a cui le guardie assistono senza intervenire insultando e deridendo i reclusi con frasi del tipo: “Se vi ammazzate tra di voi, noi facciamo meno fatica”.

 

AUDIO:

“Noi siamo un business. Noi siamo soldi qua ! “

Durante questo audio un ragazzo ci racconta al telefono le condizioni a cui è costretto da circa due mesi all’interno del CPR di Torino tra terapie e violenza continua della polizia.

In particolare gli istanti in cui, la settimana scorsa, un ragazzo proveniente dal Niger è caduto da diversi metri di altezza, dopo che si era arrampicato per protesta su di una cancellata, rimanendo per circa due ore per terra sanguinante. Abbandonato dal personale medico del Centro, è stato soccorso come possibile dai suoi compagni di area prima di essere caricato, privo di conoscenza, su di una ambulanza in direzione del Centro Traumatologico di Torino.

 

AGGIORNAMENTO dal CPR di TORINO 7.12.2020

Le deportazioni verso la Tunisia continuano ad avvenire due volte alla settimana utilizzando sempre l’area VIOLA come sezione di isolamento per i nuovi arrivati che continuano ad essere costretti con la forza a sottoporsi al tampone per poter essere rimpatriati, l’ennesima procedura di violenza a fronte del fatto che dentro i Centri di Permamenza per il Rimpatrio non esista nessuna sicurezza sanitaria.

Un recluso ci ha chiamati ieri dicendoci che sabato mattina hanno deportato un ragazzo tunisino tramite nave, quasi sicuramente dal porto di Genova. Quest’ultimo era stato recluso dapprima in carcere per poi essere trasferito direttamente all’interno del CPR.

L’ Ospedaletto, come viene chiamato l’edificio separato dalle altre aree del centro e composto da dodici celle costruite con piccole gabbie a forma di pollaio, è praticamente pieno: le persone sono recluse in condizione di isolamento e costrette a dormire per terra senza materasso.

I lavori nelle aree distrutte e danneggiate dalle scorse rivolte continuano incessantemente. In particolare all’interno dell’area VERDE, dove tutte le unità abitative sono state date alle fiamme la scorsa settimana, e all’interno dell’area GIALLA, dove al momento è agibile solo un’unità abitativa su cinque. Il riscaldamento non funziona e di conseguenza fa molto freddo all’interno delle stanze anche a causa del fatto che non vengono consegnate coperte e vestiti invernali.

Continuano le proteste all’interno dell’area BIANCA dove, da più di un mese, un ragazzo tunisino che soffre di ulcera non viene visitato dal medico. Le ferite allo stomaco gli provocano continue crisi per cui è costretto a vomitare sangue per non soffocare e solo grazie all’aiuto dei suoi compagni è ancora vivo. Un paio di volte è stato portato in infermeria per ricevere della Tachipirina prima di essere rinchiuso nuovamente nell’area: le analisi che gli sono state fatte (feci e urine) sono state successivamente buttate via per non dimostrare le sue condizioni. Condizioni di certo non compatibili con la reclusione, di cui l’ASL doveva accertarsi come da protocollo sia nel momento di ingresso nel CPR, ignorando completamente la cartella clinica del ragazzo, sia durante il periodo di detenzione dove, non solo il medico di turno ma anche la società francese GEPSA che gestisce i servizi all’interno del centro tra cui l’assistenza sanitaria di base, hanno delle evidenti responsabilità per quanto riguarda lo stato di salute, o meglio di abbandono, in cui si trova attualmente il ragazzo tunisino.

Inoltre, ci è stato raccontato che all’interno del CPR di Torino è rinchiuso un ragazzo tunisino che nel momento in cui è entrato nel centro era minorenne e in questi mesi di reclusione ha compiuto i 18 anni.

L’UNICA SICUREZZA È LA LIBERTÀ

TUTTI LIBERI, TUTTE LIBERE!

AGGIORNAMENTO DAL CPR DI CORSO BRUNELLESCHI TORINO 31.10.2020

FUOCO AI CPR E A TUTTE LE FRONTIERE!

In settimana un gruppo di solidali si è avvicinato alle mura del CPR di corso Brunelleschi per dare sostegno ai reclusi con un rumoroso saluto. Per alcuni minuti cori, slogan e fumogeni hanno riscaldato i rivoltosi all’interno che da subito hanno risposto calorosamente con urla e battiture dimostrando quanto sia forte la volontà di fare uscire la loro voce fuori da quelle infami mura.

Ieri siamo riusciti a sentire al telefono quattro ragazzi all’interno del CPR.

Ci hanno raccontato che continua il divieto di poter utilizzare il proprio cellulare e l’unico modo per comunicare con l’esterno rimane quello di utilizzare le schede telefoniche che vengono acquistate a loro spese direttamente dall’ente gestore (la multinazionale francese Gepsa, specializzata nel fare profitto con i luoghi detentivi).

La cabina telefonica presente in ogni aerea del centro continua ad essere disattivata per le chiamate in entrata.

La situazione dei pasti è sempre ignobile. Molti reclusi sono costretti a nutrirsi solo di latte in polvere annacquato e biscotti per diverse settimane in quanto il cibo fornito due volte al giorno è spesso marcio e maleodorante.

Dopo mangiato molti si addormentano entrando in uno stato di catalessi dovuto ai soliti medicinali che vengono aggiunti agli alimenti. La scorsa settimana alcuni reclusi dell’area VERDE hanno protestato durante la consegna del cibo e per tutta risposta sono stati picchiati e insultati dalle guardie.

L’assistenza sanitaria all’interno del CPR continua ad essere assente. Le condizioni igieniche sono pessime, le unità abitative non vengono mai pulite o disinfettate. Viene ignorata dal punto di vista medico ogni forma di disabilità, come ci ha raccontato un signore marocchino con un problema alle articolazioni inferiori che più di un mese fa è stato scaricato come un pacco all’interno dell’area ROSSA e da allora abbandonato senza una sedia a rotelle e senza una stampella. Può andare in bagno solo grazie all’aiuto de suoi compagni di stanza che gli hanno costruito un supporto di polistirolo.

Secondo una stima dei reclusi ci sarebbero più di cento persone all’interno del CPR.

Al momento su sei aree totali, due sono completamente inagibili, la BLU e la VIOLA, a causa delle rivolte scoppiate ad inizio anno che hanno distrutto e dato alle fiamme varie stanze del centro. Anche nelle aree ROSSA, BIANCA e GIALLA molte unità abitative sono ancora inagibili causando un continuo e pericoloso sovraffollamento all’interno delle stanze in funzione, dove sono presenti sette letti e in media attualmente dormono tra le dieci e le quindici persone. Anche nell’area VERDE, dove tutte le unità abitative sono agibili e sovraffollate, c’è molta preoccupazione tra i reclusi per un possibile contagio. Un ragazzo marocchino ci ha raccontato che viene fornita una sola mascherina chirurgica quando entri nel centro e non viene mai più cambiata.

Nei mesi di settembre e ottobre il viavai tra ingressi, uscite ed espulsioni sembra continuare a pieno ritmo. Al fine di contenere l’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19, il Marocco ha prorogato lo stato di emergenza sanitaria fino al 10 novembre e adottato varie misure di contenimento, tra le quali la chiusura dei confini.

In questo periodo le espulsioni sono avvenute perlopiù ai danni dei tunisini, che costituiscono la maggioranza nel CPR torinese. Dopo l’incontro in Tunisia di questa estate tra i ministri Lamorgese, Di Maio e il commissario al Vicinato Oliver Varhelyi dove veniva annunciato: “abbiamo fatto ricominciare i rimpatri di migranti al ritmo di 80 persone a settimana”, le autorità tunisine hanno annunciato la riapertura delle frontiere e la progressiva ripresa dei collegamenti con l’estero a partire dal 27 giugno. I ragazzi che abbiamo sentito in questi giorni ci hanno comunicato che ogni mercoledi e ogni domenica un gruppo di tunisini viene prelevato dalle guardie e caricato su di un pullman per essere rimpatriato. Le deportazioni avvengono durante la notte e sono spesso occasione per effettuare perquisizioni nelle stanze.

AGGIORNAMENTO dal CPR E REGISTRAZIONI AUDIO

Le comunicazioni con i reclusi della prigione amminitrativa torinese sono difficoltose a causa del fatto che spesso vengono disattivate le chiamate in entrata che sarebbe possibile fare componendo il numero fisso associato alla cabina telefonica presente in ogni area del centro.
L’unico modo che hanno i reclusi per comunicare con l’esterno è quello di utilizzare le schede telefoniche che dovrebbero comprarsi a loro spese perché – lo ricordiamo – che da qualche mese è proibito loro avere telefoni propri. Nella saletta c’è un televisore da cui hanno seguito e continuano a seguire quello che succede fuori, un palliativo irrisorio rispetto al fatto che i colloqui con amici e familiari sono ancora sospesi, sono permessi solo quelli con il proprio legale.

Al momento le aree aperte sono la blu, la viola, la gialla e la bianca per un totale di circa sessanta reclusi; non tutte le stanze di queste quattro aree sono agibili a causa dei danni causati dalle rivolte di gennaio; le gabbie dell’isolamento vengono utilizzate per mantenere quindici giorni i nuovi arrivi in quarantena forzata. A metà aprile è stata consegnata ad ogni recluso una mascherina che non è stata più cambiata da allora nonostante le continue richieste e non sono state
fornite ulteriori protezioni come gel e disinfettante, come del resto non sono mai state date informazioni riguardanti le modalità e i rischi del contagio. I detenuti non hanno segnalato casi di covid all’interno del centro mentre è da segnalare il consueto e sempre più pernicioso avvelenamento con gli psicofarmaci nel cibo e di terapie a base di
medicinali che causano uno stato comatoso in cui la persona mantiene per alcune ore la stessa posizione “con la bocca spalancata come se stesse dormendo”.

L’assistenza sanitaria è assente, la disperazione a causa delle continue provocazioni delle guardie e la condizione di isolamento hanno spinto in questi mesi i reclusi a compiere più volte gesti estremi come lo sciopero della fame pur di ricevere delle cure mediche.

Dopo il periodo di lockdown “la normalità” è ritornata anche dentro il CPR: da inizio giugno i nuovi arrivi sono in aumento mentre alcune frontiere, tra cui quella marocchina, sono ancora chiuse.

Abbiamo chiesto ad alcuni ragazzi di poter registrare la loro voce e raccontarci ciò che sta accadendo all’interno della prigione per senza documenti di corso Brunelleschi.

https://radioblackout.org/2020/06/aggiornamento-dal-cpr-di-corso-brunelleschi-giugno-2020/?fbclid=IwAR35f7u9xmQ6TIR5lLh28qJf1-pXamtvvxQXFA1ACbTNFEIJRzf5gAix7V8